venerdì 3 febbraio 2012

PVC-1


PVC-1 (2007)





Regista: Spiros Stathoulopoulos

Attori: Hugo Pereira, Daniel Páez, Alberto Sornoza

Paese: Colombia


Generalmente preferisco la forma impersonale nel recensire un film, come il rispetto di una certa struttura. Questa volta invece scriverò in maniera più diretta, un po' per necessità un po' per le sensazioni che mi ha lasciato la pellicola. Del resto quello di Stathoulopoulos è un film assolutamente fuori dal comune. Per me, poi, è ulteriormente spiazzante, essendo lo stesso ad una distanza siderale da quegli elementi che reputo essenziali perché un un prodotto cinematografico risulti ai miei occhi riuscito o perché, più semplicemente, incontri i miei gusti; elementi che possono in buona sostanza racchiudersi nella finzione filmica, per quel che mi riguarda fondamentale. Per quanto infatti una pellicola possa mostrare una regia scarna, un fotografia minimale, un montaggio del tutto lineare e più in generale un volto realistico, è necessario che resti aderente ad una finzione narrativa che la separi sempre e comunque dalla mia percezione della realtà.
Ciò che accade in “PCV-1” è l'esatto contrario, tanto che ha in teoria tutte le carte in regola per appartenere al tipo di cinema che resta per me un mero esercizio di stile, privo di coinvolgimento emotivo e quindi inevitabilmente noioso. Peccato che la teoria sia allegramente andate a puttane con questo esordio folgorante, girato da un ragazzetto che al tempo ancora non aveva 30 anni.


Un unico piano-sequenza, senza stacchi, né montaggio. Aveva inaugurato una simile genialità tecnica Hitchcock quasi 60 anni prima, seppur servendosi del falso piano sequenza per ovvi limiti imposti. In quel caso, tuttavia, il thriller aveva ogni aspetto cinematografico che si potesse chiedere, essendo il cinema del regista un inno alla finzione di cui si scriveva. In questo caso, al contrario, si è molto più vicini ad una video-testimonianza per sviluppo, tempi e regia, l'unica differenza è che appunto quella di Stathoulopoulos è un'opera di fantasia, per quanto basata su fatti realmente accaduti.
La distanza tra cinema e realtà diviene pertanto pressoché nulla e non ci sarebbe quindi da meravigliarsi laddove la pellicola non generasse una risposta emotiva. Ed è questo infatti quanto accaduto nel mio caso. Nel mio caso è però accaduto anche che la noia non mi abbia sfiorato nemmeno per un istante.
Pur essendo il racconto privo di pause, violento e carico di tensione (almeno nell'ottica dei suoi protagonisti) non crea empatia; sta addosso ai suoi protagonisti in maniera spesso claustrofobica ma non trasmette emozioni dall'altra parte. Tuttavia non stanca, mai. È quasi paradossale, o se non altro lo è per me e per il mio modo di affrontare una pellicola. Sembra un servizio giornalistico di qualcuno che è riuscito a rendersi invisibile agli occhi circostanti e a seguire i protagonisti senza mai perderli. Stranamente, però, è proprio questo a tenere in piedi la pellicola e a svolgere il ruolo generalmente ricoperto dall'empatia. Si sviluppa una curiosità morbosa sul prosieguo della storia, quella stessa curiosità che porta la gente ad accalcarsi su video rubati e messi in rete di un'esecuzione, di una rapina, di una rissa o di un omicidio; se sia malsana, criticabile, naturale non è importante, non in questa sede, ciò che interessa è che appunto, come si diceva, tiene incollati allo schermo nonostante la lontananza emotiva.
Ad affiancarsi ad essa e a contribuire fortemente all'interesse nel prosieguo, una regia impressionante. Non si esaurisce certo nella scelta in sé del singolo piano-sequenza. Quello di Stathoulopoulos è uno sguardo registico che non risulta mai, in nessun passaggio, confusionario, benché sarebbe stato in caso contrario giustificato molto più di quello di coloro i quali con milioni di dollari girano thriller affetti da convulsioni, cosa che il regista non fa neanche per sbaglio. E non solo. Opta nel mentre per soluzioni tecniche capaci in parte di rendere più reale e credibile il racconto e in parte di spezzare un linguaggio registico che senza quelle soluzioni avrebbe potuto facilmente stancare lo spettatore: allontana la telecamera scegliendo traiettorie diverse da quelle dei protagonisti, senza però mai perderli di vista; li separa per brevissime parentesi durante la fuga, sì da concentrarsi su uno dei personaggi e lasciare gli altri fuori dall'inquadratura, contrastando la perenne presenza dei tre; sfrutta efficacemente il fuoricampo, tanto che da obbligato diviene funzionale; gestisce, infine, periodi, che periodi non sono considerata la struttura, senza che si percepisca alcuna incongruenza nella continuità della narrazione. 


Non dovrebbe esserci bisogno, stando a quanto scritto, di soffermarsi su considerazioni ovvie relative al lavoro enorme che c'è dietro una costruzione simile: dalla gestione degli attori, alla bravura degli stessi; dalla messa in scena in un unico tempo di tutte le scelte pensate in precedenza, alla coordinazione generale. Quindi non lo farò. Ciò che invece farò è elogiare in maniera più o meno lapidaria la chiusura per la quale opta il cineasta greco, che cambia registro e mette in scena una vera e propria deflagrazione emotiva: la presa diretta lascia il posto ad un fischio in sottofondo, un suono riempie quasi del tutto la parte finale dell'unico pianosequenza, e un dettaglio mozza completamente il fiato.

Un paio di difetti ci sarebbero anche, ma assolutamente insignificanti dinanzi al risultato finale, perché l'esordio di Stathoulopoulos è allucinante. Lui ci ha fatto il piacere di regalarci una simile pellicola e voi, come minimo, la guardate. Grazie.


Ringrazio Eraserhead per la segnalazione. Qui la sua recensione, che fornisce peraltro un punto di vista in parte diverso dal mio.


27 commenti:

  1. Oddio...
    una mazzata, quindi.
    Lo vedo, certo che lo vedo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissimo bene, resto in attesa ;)

      Elimina
  2. Mi associo a Lucia.
    Questo mi sa tanto che entra nella lista dei più attesi del periodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ti piace piace parte il secondo virus ;)

      A parte gli scherzi, comunque, che ti piaccia o meno, secondo me è da vedere assolutamente. Se non lo trovi fammi sapere.

      Elimina
    2. Provo a cercarlo stasera e ti faccio sapere. Il pezzo mi ha incuriosito molto, comunque.

      Elimina
    3. Perfetto. Se poi non ci sono problemi ovviamente aspetto di sapere che ne pensi.

      Elimina
  3. Di niente :)
    Mi ricordo che anche io quando lo vidi rimasi a bocca aperta.
    Però mi è sempre rimasto un piccolo dubbio, ovvero che in qualche modo la fonte di ripresa non sia un unico reale piano-sequenza. Di queste faccende tecniche non ne so nulla ma mi pare quasi inumano pensare che tutto abbia funzionato a puntino per un'ora e mezza. Non lo so, magari c'entra il computer, qualche stratagemma diabolico.
    Se no 'sto regista è dio (o il diavolo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se ci pensi il film dura più o meno 80 minuti, di sicuro non sarà andato tutto come previsto al primo colpo, ma è altrettanto sicuro che rigirare 80 minuti, dato che non ci sono cose spettacolari, non è proprio impensabile. Del resto è molto bravo a separare visivamente i blocchi, durante i quali tutti hanno il tempo di ripassarsi le cose da dire e da fare, che ripeto, non sono così complicate. Io ci credo, anzi diciamo che ci voglio credere ;) Se scopro che non è così vado a beccarlo e glielo faccio rifare senza stacchi.

      Elimina
  4. Wow, aggiunto subito alla lista! Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, e dagli una certa priorità ;)

      Elimina
  5. Una sola domanda: lo trovo facilmente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, vai sulla mia bacheca e leggi i commenti sotto il link alla recensione, è tutto lì ciò che ti serve ;)

      Elimina
  6. sconvolgente, sei lì, tu sei l'occhio della telecamera e resti senza parole.

    potenza del cinema!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già.

      Da tenere assolutamente d'occhio Stathkjdlsl.

      Elimina
  7. ecco,queste sono le chicche per cui il tuo blog diventa il mai più senza,come lo speciale F(le divine),lo è per quanto riguarda il blog di lucia!^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehh, in realtà questa volta non posso prendermi il merito della cosa, essendo come segnalato una chicca scovata da Eraserhead. Comunque, guardalo.

      Elimina
  8. questo mi ha esaltato già solo nella lettura del tuo post! non vedo l'ora di vederlo a questo punto.. thanks per la segnalazione!!

    Complimenti per il blog, ottimi pezzi, ti seguo volentieri, se hai voglia fai un salto dalle mie parti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Lorant.

      Figurati, comunque. Più le si fanno conoscere queste perle meglio è.

      E grazie mille per i complimenti, vengo volentieri dalle tue parti ;)

      P.S. Controlla la posta.

      Elimina
    2. appena ricevuta la mail! grazie mille gentilissimo, me lo sparo al più presto ;)

      Elimina
    3. Figurati ;) E fammi sapere...

      Elimina
    4. ho appena postato la rece!
      http://lifefunctionsterminated.blogspot.com/2012/02/pvc-1-un-dramma-in-piano-sequenza.html

      Elimina
  9. Ciao!
    Bellissimo blog. Complimenti.
    Ho letto da Lorant di questo juiellino. Recupero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eddy, benvenuto.

      Grazie mille. E recupera, ché merita parecchio ;)

      Elimina
  10. Vorrei farti i miei complimenti Elio per la recensione e per il suggerimento, e vorrei invitarti a dare uno sguardo al mio blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://checazzodifilmvedostasera.blogspot.com/

      Elimina
    2. Grazie Manuele, e benvenuto. Un salto da te lo faccio sicuro ;)

      A presto.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...